I fiori primaverili del Molinazzo

Sabato 26 marzo si è svolta la prima uscita didattica programmata per il nuovo anno tra le varie attività del Gruppo.

Ranunculus ficaria

Un’escursione classica per la nostra associazione alla scoperta dei fiori primaverili in località Molinazzo nel parco del Curone, scrigno di biodiversità tra le colline di Montevecchia e comuni limitrofi.

Il nutrito gruppo è accompagnato dall’immancabile Isidoro che, oltre ad essere un grande esperto di funghi, vanta anche un’ottima conoscenza della flora del parco.

Lungo il percorso che si snoda seguendo il torrente Curone verso cascina Bagaggera ecco apparire un bianco tappeto di Anemone nemorosa, alcuni ciuffetti di Scilla bifolia, la colorata Primula vulgaris, qualche solitario Dente di cane (Erythronium dens canis), gruppetti di Campanellini (Leucojum vernum), il tossico Helleborus viridis; occhieggiano di giallo Ranunculus ficaria, la poco diffusa Anemone ranunculoides e poi ancora Symphytum tuberosum, Pulmonaria officinalis, la Pervinca (Vinca minor) e alcune violette…

Scilla bifolia

Tesori che brillano allo sguardo di ammirazione e riconoscenza dei nuovi Soci entusiasti di scoprire tante peculiarità, ma anche dei più esperti, perché alla bellezza non ci si abitua mai.

Ma tra appassionati di micologia si cela la speranza, e non potrebbe essere diversamente, di ritrovare anche quest’ anno, nonostante la perdurante siccità, un piccolo Ascomicete primaverile che vegeta da parassita di Anemone nemorosa. Il passo si fa più guardingo, si scruta il terreno ed eccola, finalmente, Dumontinia tuberosa, prima due piccole coppette, poi lì vicino altre due, e poi altre ancora! La soddisfazione si legge sui nostri volti compiaciuti.

Dumontinia tuberosa

Termina così la nostra escursione alla scoperta dei fiori primaverili, con la certezza che anche il prossimo anno non mancheranno di emozionarci con la loro presenza discreta.

Claudio Sala

Primula vulgaris

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.