Bossico: alla ricerca del dormiente

In data 9 aprile è stata organizzata la prima uscita guidata a funghi del Gruppo in quel di Bossico, in provincia di Bergamo.

La località ovviamente non era casuale ma oculatamente prescelta per andare alla ricerca di una delle primizie, in ambito fungino, dell’annata micologica: l’Hygrophorus marzuolus, fungo ben conosciuto e ricercato dagli appassionati e soprattutto “famigerato” per essere sempre ben nascosto sotto lo strato fogliare del sottobosco.

Il nostro scopo precipuo, come Gruppo, è proprio insegnare ai nostri soci neofiti, o comunque meno esperti, di come approcciare la ricerca di determinate specie, soprattutto partendo dalla conoscenza del territorio, che in questo caso presenta boschi misti con prevalenza di faggio (Fagus sylvatica) e abete rosso (Picea abies), con qualche sparuto abete bianco (Abies alba) e pino (Pinus sylvestris e Pinus nigra).

Hepatica nobilis

L’uscita ha potuto contare su un nutrito Gruppo di volenterosi partecipanti, eravamo più di una ventina, animati dalla voglia di ritrovare qualche traccia di quello che era lo scopo della nostra giornata: il dormiente!

Purtroppo l’andamento climatico stagionale, di anno in anno sempre più siccitoso, non ha favorito una crescita ottimale della specie primaverili che avremmo voluto e potuto ritrovare; oltre al marzuolo di questo periodo si possono incontrare Strobilurus esculentus, Mycena strobilicola, Elaphomyces granulatus….

Dopo una prima mezzora senza sussulti finalmente si sente un vociare sempre più concitato in una direzione nel bosco; tutti tendono le orecchie e ad un certo punto si sente scandire senza dubbi: Marzuolo!!!

Polygala chamaebuxus

Ecco che allora tutti accorriamo per vedere finalmente il fungo in habitat, per cercare di capire come e dove guardare per ritrovare questa ambita preda e soprattutto fotografarlo. In effetti poi durante la giornata sono stati ritrovati solo pochi altri esemplari, che con nostro stupore, erano già ampiamente vetusti.

Il bello di questa stagione però è che non abbiamo solo i funghi da poter osservare, ma anche tanti fiori, che con i loro colori e la loro bellezza allietano i nostri sensi e lo spirito: abbiamo potuto osservare e fotografare numerose specie floreali, quali Helleborus nigra, Primula vulgaris, Hepatica nobilis, Daphne mezereum, Petasites albus e soprattutto meravigliosi cuscinetti di Polygala chamaebuxus!

Ed infine, come Gruppo, non potevamo non dedicarci alla pulizia del bosco, per rimuovere quei rifiuti lasciati purtroppo da chi non ha rispetto per l’ambiente e nemmeno per gli altri; e come spesso accade, i rifiuti erano ben più cospicui del raccolto fungino. Comunque poco importa, la soddisfazione di poter camminare nel bosco senza incontrare cartacce, bottiglie vuote, pacchetti di sigarette, ecc. ci ripaga dello sforzo fatto, sicuri che il prossimo anno la situazione sarà migliore.

Petasites albus

Non potevamo non finire la giornata se non tutti assieme attorno ad una bella tavolata, in un grazioso ristorante con una veduta meravigliosa sul Lago d’Iseo; noi da sempre siamo convinti che il semplice ritrovarsi a pranzo tutti assieme serva a rinsaldare lo spirito di gruppo e l’amicizia, un paio d’ore durante le quali ci si rilassa e ci si racconta un po’ i fatti della nostra quotidianità, poi davanti a dei piatti ben fatti meglio ancora. E poi, grazie alle conoscenze del nostro nuovo socio Marco M., abbiamo potuto acquistare dei buonissimi formaggi di un produttore locale….. meglio di così!! Un sentito grazie agli organizzatori, in particolare a Cosimo e Pasquale…. e ai partecipanti.

Sergio Margutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.