venerdì 24 Maggio 2024
Eventi

Il nostro Gruppo a Marsico

Coprinopsis nivea

Lo scorso fine ottobre, come oramai succede da più di 15 anni, un manipolo di appassionati del nostro gruppo si è recato in quel di Marsico Nuovo, in provincia di Potenza, per organizzare la consueta Mostra micologica, grazie anche alla fattiva collaborazione con l’amministrazione del Comune stesso, che da sempre ci ha accolto con cordialità ed entusiasmo e che, di anno in anno, rinnova l’invito per l’evento successivo, invito al quale noi siamo ben lieti di partecipare.

Anche per il nostro Gruppo questa mostra è diventata un caposaldo del nostro programma, perché dopo tutti questi anni si è creato un clima di amicizia, ma anche di affetto, con tutte le persone in loco, le quali non ci fanno mai mancare il loro aiuto e supporto nell’organizzazione dell’evento.

Che dire poi dell’accoglienza che ci riserva da sempre l’Agriturismo Vignola, con Antonietta e Peppino ed i loro figli, che sanno farci sentire come a casa, con la loro affabilità e la loro cucina casereccia, basata sugli ottimi prodotti della loro terra.

Panaeolus semiovatus var. phalenarum

Ma Marsico, bellissimo comune situato nella Val d’Agri, adagiato su due bei cucuzzoli posti a 800 mt di altezza, rappresenta per noi appassionati di micologia un campo di “addestramento” unico ed incomparabile. Noi qui possiamo trovare specie rare e tipicamente mediterranee, grazie anche alla vasta disponibilità e diversificazione dei vari habitat e biotopi, che per ovvii motivi non possiamo ritrovare nei nostri ambienti alpini o subalpini.

Qui possiamo spaziare da bellissime e vaste faggete, a boschi misti ricchi di essenze arboree alloctone ormai naturalizzate, a querceti sterminati, ma anche castagneti e pascoli, dove possiamo ritrovare il famoso e ricercato “cardoncello” (Pleurotus eryngii). Nonostante le condizioni climatiche avverse per la siccità perduranti da qualche anno a questa parte, ogni volta riusciamo ad esporre abbastanza facilmente più di un centinaio di specie.

Da segnalare quest’anno l’Amanita vittadinii, la Coprinopsis picacea, Panaeolus semiovatus var. phalenarum.

E tutto questo grazie al nostro consigliere Antonio Vignola, che ha saputo trasmetterci l’amore per la sua terra, amore al quale noi ci siamo felicemente abbandonati e al quale non possiamo più rinunciare.

Sergio Margutti