Casella di testo:

 

AMB

Gruppo Di Missaglia

Via Alpi, 1

23873 Missaglia LC

Gemellaggio tra Missaglia

con La Roche Posay

ott 2001

Sono passati quasi otto anni dal primo incontro avvenuto in questo delizioso paese della Francia centrale attorniato da una foresta dolcemente adagiata sul fiume Creuze che, poco piu’ avanti va a formare la bellissima valle dei castelli, affluendo nella Loira.

 

50 persone sono arrivate, dopo un viaggio in pullman di 12 ore, accompagnate dal loro sindaco, monsieur Barrét che amministra questo paesino (trés joli) con la stessa cura che dedicherebbe un padre alla propria famiglia.

 

Insieme alle famiglie di Missaglia e di altri paesi della Brianza abbiamo ospitato gli amici francesi nelle nostre case cercando di rendere piacevole questo soggiorno italiano nonostante l’inclemenza del tempo.

 

Nella sede comunale, il nostro sindaco, signora Marta Casiraghi, ha dato loro il benvenuto e, grazie alla valida collaborazione dei cittadini, e’ stata offerta una cena nel refettorio dell’edificio scolastico.

 

Tra le varie note di colore che hanno caratterizzato questa manifestazione e’ stato simpatico rilevare le confidenze che i nostri ospiti si sono fatti tra loro dopo aver pranzato nelle rispettive famiglie, tutti esaltavano la cucina italiana, la bravura delle signore e si scambiavano le ricette di quello che avevano assaggiato e, strano a dirsi (?) tutti coloro che alloggiavano presso le famiglie del gruppo micologico avevano assaggiato piatti particolari a base di funghi, ognuno con qualita’ e ricette differenti.

 

Ancora una volta ci ha fatto piacere constatare che il nostro bellissimo gruppo, grazie ad un passatempo forse tra i piu’ semplici e modesti che esistono al mondo, riesce a tenere insieme tante persone, addirittura d’oltralpe, con passione e naturalezza.

 

Se fosse cosi’ semplice dare un po’ di gioia al nostro prossimo faremmo subito un gemellaggio con tutti i popoli che stanno vivendo guerre e umiliazioni e, visto che chi ama la natura e’ sempre un po’ sognatore, ebbene si’, il nostro sogno sarebbe quello di ospitare alla nostra tavola israeliane e palestinesi per fargli sentire quanto e’ inebriante il profumo della Mutabilis e per dire loro sottovoce: “ non avete idea di quanta gioia vi siete persi in tutto questo tempo”.

 

 

                                                                           Di Gio’ Benatti.

Pagina aggiornata al 

25-10-2001

Next